Il caffè sospeso

279

Una Consuetudine nata a Napoli, che piano piano si è diffusa in altre realtà italiane.

“Il caffè sospeso è un’usanza nata a Napoli durante la seconda guerra mondiale. Per solidarietà in un momento critico della storia italiana, chi poteva pagava alla cassa il proprio caffè e ne aggiungeva un altro da lasciare in sospeso, destinato a chiunque lo chiedesse. Visto che dal 2008 viviamo ancora una volta un momento di profonda crisi, l’idea è stata ripresa, e si è diffusa più o meno in tutte le città italiane, anche grazie alla Rete del caffe sospeso, nata nel 2010 per volere di fondatori quali il celebre Caffè Gabrinus di Napoli. In questo momento mi trovo nella più amena provincia bergamasca, con un reddito procapite tra i più alti del Paese, ma anche qui, in molti bar, si può regalare un caffè o un’intera colazione a chi ne ha bisogno (o, comunque, a chi la chiede). Negli ultimi anni anni hanno aderito anche tre bar all’estero, uno in Spagna, uno in Svezia e uno in Brasile. Esiste anche una giornata dedicata al caffe sospeso, il 10 dicembre, e l’idea ha valicato anche i confini dei bar: si fa in una pizzeria napoletana, e addirittura nei negozi di una catena di librerie, la Feltrinelli, che offre così ristoro gratis anche alla mente di chi è in difficoltà.”

Ecco l’elenco dei bar che aderiscono
http://www.retedelcaffesospeso.com/i-bar-e-i-locali/

Fonti: http://www.wired.it/lifestyle/food/2014/12/29/caffe-sospeso-parte-napoli-conquista-mondo/
http://www.retedelcaffesospeso.com/

1


Related Articles & Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Idea positiva